La presentazione delle scuole alla Biennale Democrazia 2013

La presentazione delle scuole alla Biennale Democrazia 2013
Bookmark and Share


Sono state 5 le classi che hanno partecipato all’evento WIKIPEDIA COME STRUMENTO DI CITTADINANZA DIGITALE – DAI UNA VOCE ALLA DEMOCRAZIA durante Biennale Democrazia, per raccontare cosa hanno imparato utilizzando Wikipedia.

Non era un compito facile quello in cui si sono cimentate le classi: scrivere voci per wikipedia non è certo un lavoro facile soprattutto perché il primo criterio da rispettare, quello dell’enciclopedicità, richiede una ricerca delle fonti, con determinate caratteristiche. Poi è necessario conoscere le regole del diritto d’autore, conoscere la sintassi del wiki, imparare a lavorare collaborativamente e a discutere le proprie scelte. Inoltre il tema di Biennale 2013, “Utopie possibili” non era per nulla semplice.

I ragazzi hanno dimostrato molta creatività scegliendo diversi lemmi e tipologie di risorse: i ragazzi della IVB dell’Avogadro di Torino, hanno scelto il termine “clonazione sociale” di cui hanno trovato una definizione condivisa, che tuttavia e’ stata respinta da Wikipedia,  perche’ non conforme alle regole. Da Ivrea la classe  1B dell’Olivetti ha lavorato sulla figura di Adriano Olivetti,  e in particolare ha usato come fonte una graphic novel, mentre due terze dell’Istituto Gramsci hanno lavorato sul tema della democrazia diretta a partire da un ‘articolo di Trombino (L’isola che non c’è).

La classe  4A del  Giordano Bruno di Torino, è partita da opere d’arte (Allegoria del buono e del cattivo governo, 3 maggio 1808, Massacro in Corea, La libertà che guida il popolo, Il quarto stato) per ragionare sul tema dell’utopia nell’arte e infine la 3BT ha lavorato su un racconto di Erri de Luca, il Pannello, legato alle rivolte studentesche del 68.

Al seminario di presentazione hanno partecipato   Federico Morando  e Giovanni Arata, del centro NEXA, ideatore e promotore dell’iniziativa, Sergio Duretti del CSP,  Frieda Brioschi presidente di Wikimedia Italia, Marco Stranisci di Acmos.

Una breve video sintesi dell’evento

Lascia un commento